Top

Blog

Home » Blog » Pagina 34

Oggi grazie a tutti i programmi televisivi dedicati alla cucina e alla ristorazione in cui sono intervengono degli chef noti a livello internazionale, molte sono le persone tra le quali si è affermata la voglia di diventare provetti chef. A chi già piace cucinare e si diletta ai fornelli, sembrerà normale voler imparare a preparare piatti più raffinati, mentre iscriversi a una scuola di cucina sarà una vera sfida per chi è coinvolto dal vortice dei vari “Master chef” o pseudo tali che vorrebbero far diventare tutti degli affermati cuochi. Ma se si volesse aprire una scuola di cucina cosa servirebbe?

La lingerie è uno dei pochi prodotti che da sempre esercita un certo fascino non solo su un target femminile ma anche maschile, tanto che secondo alcune statistiche sono gli uomini ad acquistare maggiormente prodotti di lingerie sia maschile che femminile, quindi aprire un negozio di intimo potrebbe rappresentare una buona occasione commerciale se supportata da uno studio di fattibilità e da un’approfondita conoscenza del mercato.

Sono cresciuti man mano che la filosofia a km 0 si è andata affermata, oggi i ristoranti a chilometro zero sono particolarmente apprezzati grazie alla qualità superiore degli alimenti impiegati nella preparazione di pietanze del tutto genuine di provenienza locale. Il ristorante a km 0 infatti, garantisce alla propria clientela il fatto che le materie prime abbiano percorso pochi chilometri dal luogo di produzione a quello di consumo e ciò ne assicura la sostenibilità ambientale, tematica particolarmente apprezzata oggi.

Non vanno mai fuori moda e sono risultati molto apprezzati anche dal pubblico italiano più esigente, i ristoranti etnici hanno saputo col tempo conquistarsi una propria clientela di affezionati amanti della cucina cinese, coreana, africana, araba, giapponese, tailandese, tanto che oggi non c’è città o paesino in cui non ce ne sia almeno uno dove poter andare a gustare qualche saporito piatto medio-orientale. Aprire un ristorante etnico quindi, si presenta come un’attività che può dare molte soddisfazioni sia in termini economici che personali.

Di origine francese ma amate in tutte il mondo, le crepes sono uno snack dolce sfizioso e goloso cui è difficile rinunciare e che sia grandi che piccoli amano molto per questo oggi le creperie riscuotono sempre più successo, le crepes infatti si prestano a diversi condimenti: possono essere dolci o salate con ripieni, creme e salse diverse che cambiano a seconda dell’estro e della creatività dello chef. Aprire una creperia quindi, potrebbe costituire una buona chance di avviare un’attività imprenditoriale di successo che possa regalare soddisfazioni economiche e personali.

Il nuoto è uno degli sport più praticati dagli italiani. Più di 3 milioni di italiano praticano questo sport che è uno dei più completi in assoluto. Fare nuoto aiuta a sviluppare diverse parti del corpo- Questo perché coinvolge l’organismo in maniera completa, dunque non privilegia un organo rispetto ad un altro ma permette a tutti di svilupparsi allo stesso modo. E’ uno sport indicato anche per combattere alcune patologie come il disallineamento della colonna vertebrale, l’obesità, la cellulite e tanto altro ancora.

Al giorno d’oggi si parla tanto di processi di digitalizzazione. Ciò al fine di facilitare le procedure  anche dal punto di vista amministrativo e di evitare sprechi, cercando di contenere le spese e di ottenere lo stesso risultato con tecnologie diverse. La digitalizzazione serve a favorire la produzione e l’invio di documentazione direttamente per via telematica, un modo per risparmiare tempo e, soprattutto, carta. Sì, perché la carta ha sicuramente un costo importante che viene ammortizzato o quasi del tutto eliminato quando si utilizzano le tecnologie digitali.
Eppure, alla carta è ancora oggi difficile se non impossibile rinunciare per mezzo dei suoi molteplici utilizzi e perché, comunque, in diversi campi e settori il suo utilizzo si rende ancora indispensabile. Ecco perché aprire una cartoleria ancora oggi potrebbe rappresentare un’attività ancora piuttosto redditizia sotto tutti i punti di vista. In una cartoleria, infatti, è possibile trovare prodotti di cancelleria che servono per scuole, uffici o anche semplicemente per la casa. Prima di aprire una cartoleria, però, è importante conoscere alcuni aspetti procedurali e normativi e prendere coscienza di tutte le pratiche burocratiche necessarie per l’apertura di una nuova attività commerciale.

Nei primi anni successivi alla crisi economica c’è stato un boom di compro oro. Queste attività commerciali si caratterizzano per il fatto che è l’utente stesso a consegnare nelle mani del negozio compro oro i propri gioielli al fine di venderli a questi e di ricavarne una buona somma di denaro. Si tratta, dunque, di gioielli usati che verranno poi rimessi sul mercato e venduti come prodotti finiti oppure vengono destinati alla fusione.  Ovviamente, affinché il compro oro acquisti gli oggetti dall’utente è indispensabile che egli faccia una valutazione dei materiali e che tale valutazione venga ritenuta idonea e consona anche dagli utenti. Aprire un compro oro non è molto difficile. La cifra da investire non è altissima. Bisogna solo acquisire delle competenze per svolgere al meglio questo mestiere ma anche da questo punto di vista le difficoltà non sono certamente insormontabili.