Top
Home » Aprire un Negozio » Come aprire un mercatino dell’usato
Come aprire un mercatino dell'usato

Come aprire un mercatino dell’usato

Quello italiano è un popolo amante delle carni. Al sud come al nord siamo pieni di macellerie pronte ad offrirci carne di ottima qualità da gustare a casa in famiglia, da offrire agli amici, da cucinare in un ristorante o alla brace nel corso di un pic-nic. La macelleria è un’attività che dal punto di vista imprenditoriale ancora oggi attrae coloro che vogliono entrare in questo settore. Sono, però, richieste competenze e conoscenze molto particolari per aprire una macelleria. Nel corso di questa guida parleremo dei requisiti da possedere e dell’iter burocratico da seguire per aprire una macelleria.

I requisiti per aprire un mercatino dell’usato

Per comprendere come aprire una macelleria bisogna partire dai requisiti. Parliamo innanzitutto di requisiti di carattere tecnico e culturale. E’ per questo motivo che sarebbe importante frequentare dei corsi professionali creati ad hoc per chi vuole intraprendere un’attività del genere. E’ vero, un corso professionale costa ma se avete poca esperienza nel settore e volete diventare degli ottimi macellai è una sforzo da sostenere perché le competenze teoriche e pratiche che otterrete dal corso di formazione professionale dovrebbero permettervi di aprire una macelleria nel momento in cui lo riterrete opportuno.

Il consiglio che possiamo darvi prima di gettarsi in quest’avventura è di trovare lavoro in qualche macelleria già avviata. E’ un buon modo per cercare di acquisire un minimo di esperienza nel settore. Ciò consentirà di conoscere i segreti del mestiere, di comprendere come bisogna approcciare col cliente e di perfezionare le vostre abilità di macellai, soprattutto per quanto concerne la fase del taglio.

Una volta accumulata una buona esperienza da apprendista è possibile mettersi in proprio. Va da sé che per aprire una macelleria l’investimento iniziale potrebbe essere non proprio bassissimo ma è sempre possibile tentare la strada dei finanziamenti. La prima cosa da fare, comunque, è scegliere il locale. Una scelta importante dalla quale dipenderà il tipo di servizio che vorrete offrire al pubblico. Il locale non deve per forza essere immenso ma deve, comunque, essere dotato di un bancone dalle giuste dimensioni. Uno degli aspetti più importanti è la pulizia. Una macelleria deve essere assolutamente impeccabile dal punto di vista igienico. La scelta del locale dipende non solo dalle caratteristiche dello stesso ma anche dal luogo in cui si trova. E’ bene scegliere una location affollata, vicina ad altri settori merceologici ma non a quelli concorrenti.

L’iter burocratico

Per aprire un macelleria è necessario espletare alcuni adempimenti burocratici importanti. La prima cosa che conviene fare è  recarsi presso gli uffici dell’Agenzie delle Entrate ed aprire la Partita Iva. In seguito, è bene recarsi presso la Camera di Commercio per l’iscrizione al Registro delle Imprese. Non bisogna dimenticarsi di rivolgersi al comune di competenza al quale andrà inviata la dichiarazione di inizio attività. L’iter burocratico no si può ritenere completato senza un parere positivo e l’autorizzazione da parte dell’Azienda Sanitaria Locale. Ricordiamo, infine, che per aprire una macelleria è necessario procurarsi il certificato HACCP il quale accerta il rispetto di quanto indicato dalle leggi nazionali e non solo inerenti l’igiene alimentare.

Share
Nessun commento

Lascia un commento