Top
Home » Finanziamenti » Fondo di Garanzia 2018 per le PMI: come funziona e a chi è destinato
Fondi di Garanzia 2018

Fondo di Garanzia 2018 per le PMI: come funziona e a chi è destinato

Il Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese è uno strumento a garanzia delle imprese italiane.

Istituito con la legge 662 del 1996, si tratta di una forma di garanzia pubblica sui finanziamenti concessi alle imprese da parte delle banche e altri soggetti finanziari.

Non parliamo dunque di un finanziamento diretto dello Stato, ma della possibilità di avere accesso al credito anche per le PMI che, in caso contrario, faticherebbero a ottenere liquidità.

Entriamo nel dettaglio.

A chi è rivolto il Fondo di Garanzia per le PMI

Il Fondo di Garanzia alle PMI si rivolge alle imprese italiane sane dal punto di vista economico, cioè che possano far fronte agli impegni richiesti dal finanziamento.

Nello specifico, il fondo è indirizzato a:

  • piccole e medie imprese, anche in forma cooperativa
  • consorzi e società di servizi alle PMI o società consortili miste che rientrino nei parametri previsti per le PMI

Le PMI, inoltre, devono operare nei settori:

  • agricoltura e caccia (solo controgaranzia)
  • pesca e piscicoltura (solo controgaranzia)
  • estrazioni di minerali
  • produzione e distribuzione di energia elettrica, di gas e di acqua
  • manifattura
  • costruzioni
  • commercio all’ingrosso e al dettaglio
  • riparazioni di autoveicoli, motocicli, beni personali e per la casa
  • alberghi e ristoranti
  • attività immobiliari
  • noleggio, informatica, ricerca e altre attività simili
  • trasporti, magazzinaggio e comunicazione
  • istruzione
  • sanità e servizi sociali altri servizi sociali

Le banche, gli istituti di credito iscritti all’albo delle banche, gli intermediari finanziari e le società finanziarie per l’innovazione e lo sviluppo si possono porre come soggetti richiedenti le agevolazioni per la garanzia, mentre Confidi e altri fondi di garanzia gestiti dalle banche intermediari eccetera possono richiedere invece le agevolazioni per controgaranzia.

Quali tipi di finanziamenti copre il Fondo di Garanzia

Il Fondo di Garanzia ha l’obiettivo di offrire uno “scudo” alle imprese che hanno necessità di finanziamenti.

Più precisamente, le operazioni ammesse sono:

  • finanziamenti a medio e lungo termine, compresi lo sconto di effetti locazione finanziaria: durata minima 18 mesi e massima 10 anni
  • prestiti partecipativi, che prevedono una parte fissa integrata da una parte variabile legata al risultato economico di esercizio dell’impresa finanziata
  • partecipazioni di minoranza di durata massima di 10 anni in società di capitali acquisite a fronte di un piano di sviluppo
  • crediti a breve e operazioni di consolidamento, ammissibili solo nei limiti della regola de minimis
  • finanziamenti finalizzati al reintegro del capitale, con durata massima di 60 mesi, concessi alle piccole imprese e alle imprese di autotrasporto che vantano dei crediti nei confronti di imprese in amministrazione straordinaria

Cosa si intende con garanzia diretta e controgaranzia

La garanzia diretta dello Stato viene concessa quando il fondo garantisce per via diretta i finanziatori (banche, intermediari, società finanziarie etc.).

La garanzia diretta è concessa dal fondo su queste basi percentuali:

  • 80% per operazioni relative a PMI e consorzi ubicati nelle zone ammesse alla deroga di cui all’articolo 87.3.a
  • 80% per beni ai consorzi che sottoscrivono contratti d’area o patti territoriali
  • 80% per le imprese costituite prevalentemente da donne
  • 85% per le imprese che vantano crediti nei confronti di grandi imprese in amministrazione straordinaria
  • 60% per tutte le altre operazioni

La controgaranzia invece è la garanzia del fondo a favore dei Confidi e degli altri consorzi di garanzia.

La controgaranzia è concessa in misura non superiore al 90% dell’importo garantito, a patto che le garanzie prestate non superino le seguenti percentuali

  • 80% per operazioni relative a PMI e consorzi ubicati nelle zone ammesse alla deroga di cui all’articolo 87.3.a
  • 80% per le PMI e consorzi che sottoscrivono contratti d’area e atti territoriali
  • 80% per le imprese costituita in prevalenza da donne
  • 85% per le imprese che vantano crediti nei confronti di grandi imprese in amministrazione straordinaria
  • 60% per tutte le altre operazioni

La garanzia diretta e la controgaranzia sono cumulabili sulla stessa operazione di richiesta di finanziamento sempre rispettando i limiti previsti dalle norme.

Come fare domanda per il Fondo di Garanzia

Le PMI che hanno bisogno di un finanziamento garantito dal Fondo di garanzia possono rivolgersi in via diretta all’intermediario scelto per il finanziamento o rivolgersi a un Confidi.

Una volta ricevuta la richiesta di finanziamento, la banca avvia l’istruttoria e acquisisce i dati necessari;
sarà la stessa banca a predisporre la domanda di ammissione alla garanzia su appositi modelli reperibile sul sito dedicato al fondo di garanzia. Per avviare la pratica sarà necessario presentare gli ultimi due bilanci approvati o la dichiarazione fiscale e una situazione contabile aggiornata.

La domanda viene esaminata dal gestore del Fondo di Garanzia: se sono presenti tutti i requisiti, il gestore comunica alla banca la delibera del comitato e all’impresa la concessione o il rigetto della garanzia.

Nel caso della controgaranzia, tutte le comunicazioni saranno inviate al Confidi.

Le novità del 2018

Per il 2018 sono stati finanziati per 500 milioni per la misura.

Dal 1 gennaio di quest’anno è stato istituito un sistema di rating che permetterà ai funzionari del Ministero dello Sviluppo Economico di assegnare un punteggio chiaro per ogni progetto sulla base di 5 parametri ben precisi: sicurezza, solvibilità, vulnerabilità, pericolosità e rischiosità. I progetti irrealizzabili saranno esclusi dalla misura.

Insomma, la garanzia pubblica verrà differenziata sulla base del profilo di rischio dell’impresa che fa la richiesta.

Fondo di garanzia 2018: un paracadute per le imprese

Il Fondo di Garanzia è un’opportunità per le imprese di avere un finanziamento con una copertura a garanzia.

Hai un’impresa e vuoi usufruire di questa agevolazione? Siamo pronti ad aiutarti! Contattaci e ti aiuteremo a preparare tutta la documentazione necessaria e a presentare la domanda in modo corretto.

Share
Nessun commento

Lascia un commento