Top
Home » Aprire in Franchising » Come aprire Capatoast in franchising: iter burocratico e costi
Aprire Capatoast

Come aprire Capatoast in franchising: iter burocratico e costi

Un pranzo, una cena, uno spuntino veloce, in ogni caso, un toast ci sta sempre bene. Non pensare ovviamente ad un semplice toast con la sottiletta e una fetta di prosciutto, perché da Capatoast trovi all’incirca 30 varietà diverse. Potrai mangiare un toast leggero, uno vegano, uno estremamente saziante: insomma da Capatoast c’è un toast per ogni tua esigenza.

Aprire un negozio del genere significa intercettare qualsiasi tipo di consumatore, dai giovani che vogliono mettere qualcosa nella pancia al libero professionista che desidera un pasto immediato. Chiunque può essere attratto da Capatoast, anche chi non ha fame, tanto sono attraenti i prodotti offerti.

Sul territorio nazionale ad oggi ci sono 23 punti vendita Capatoast. La fortuna di questa catena deriva dalla doppia versione che offrono dei loro toast, dolci e salati; ma soprattutto dalla qualità dei prodotti, rigorosamente artigianali e bio.

Capatoast è un marchio molto forte che riceve apprezzamenti e affiliazioni anche dall’estero. Il nome nasce da un detto napoletano dove “capa tost” sta per una persona testarda. E’ con la stessa determinazione che Capatoast pretende di offrire il massimo per i propri clienti e di espandersi.

Come aprire Capatoast in franchising: iter burocratico

Aprire un Capatoast comporta il consueto iter burocratico. Bisogna innanzitutto aprire la Partita IVA presso l’Agenzia delle Entrate, iscriversi al Registro delle Imprese alla Camera di Commercio e ottenere la SCIA presso lo sportello SUAP del Comune di riferimento.

Fatto ciò, spetterà a voi decidere se aprire un take away oppure qualcosa di più grande. Per aprire un negozio che possa accogliere persone a sedere è necessario che il locale superi i 40mq. In tal caso aprendo un fast food avrete la possibilità di vendere all’interno del locale anche altri prodotti, dal caffè alla birra alla spina.

Affiliarsi, cioè aprire con franchising, comporta diversi vantaggi offerti da Capatoast: è concesso utilizzare il brand e tutte le denominazione commerciali di un brand che vanta sui social oltre 250.00 follower. Come detto, Capatoast segue in tutto i propri affiliati. Il marchio è pronto anche a provvedere per la ricerca e l’analisi di una location; questo è un elemento fondamentale. Innanzitutto viene concessa l’esclusiva di zona quindi bisogna prima rapportarsi con Capatoast per capire dove è possibile aprire un altro punto vendita.

Una volta definito il locale Capatoast s’impegnerà ad aiutarvi nelle opere di modifica dello spazio. L’allestimento del locale dovrà corrispondere alle direttive dello styling della catena, che s’impegna, di fatto, anche economicamente alla ristrutturazione del locale.

Seguire in tutto i propri clienti significa fornirgli assistenza per tutte le altre pratiche burocratiche necessarie per aprire un’attività del genere. Vuol dire anche trasferire il know-how al personale assunto dal negozio. Verranno forniti anche un sistema gestionale e i materiali necessari per la preparazione dei toast.

I costi di apertura di un Capatoast in franchising

I costi sono quasi totalmente abbattuti perché di molte cose si occupa direttamente Capatoast. Per far si che tutti i Capatoast abbiano le stesse cose e che queste siano della stessa qualità, il brand prevede esso stesso a rifornire i propri affiliati con prodotti totalmente uguali.

Come avrete capito Capatoast interviene in maniera considerevole all’apertura del vostro locale, impegnandosi a sostenere un’infinità di spese. Aprire un Capatoast in franchising quindi permette di risparmiare una somma considerevole rispetto all’avvio di una semplice toasteria indipendente. Eccetto le spese legate al locale e alla gestione, il franchising paga quasi interamente tutto.

Vuoi aprire un Capatoast? Chiedi una consulenza gratuita

Credo che ora sia chiaro perché aprire un Capatoast in franchising rappresenta un buon investimento. Innanzitutto si parla di una catena che offre un prodotto di prima qualità e con una varietà di preparazione imparagonabile. Poi c’è da aggiungere anche che la grandezza di questi toast, 15×19, rende il prodotto estremamente appetibile. Insomma aprire un Capatoast è una grossa opportunità.

Per aiutare con l’avvio dell’attività imprenditoriale, Contributi PMI offre una consulenza gratuita per effettuare un’analisi di fattibilità del business e per ottenere un finanziamento a fondo perduto.

Share

Richiedi una Consulenza Gratuita




Nessun commento

Lascia un commento