Top
Home » Aprire un Negozio » Come aprire un call center
Aprire un call center

Come aprire un call center

Il business dei call center, come molti pensano, è tutt’altro che tramontato e va ben oltre alle tendenze e necessità delle grandi multinazionali.

Negli ultimi anni molte operazioni che venivano effettuate dietro a uno sportello, a contatto con la gente, sono state sostituite dall’assistenza che viene fornita da questi centri. Attività che nel futuro avranno una tendenza all’aumento, un trend difficilmente evitabile visti anche i molteplici servizi che oggi il web mette a disposizione.

Lo scenario della rete e le sue possibilità determinano che il call center sia un’attività che offre ottimi sbocchi, un bacino di utenza praticamente infinito e di conseguenza buone possibilità di guadagno.

Sono molte le cose da sapere per poter avviare in modo regolare un call center, oggi andremo a vedere quali sono i requisiti, le autorizzazioni da richiedere, i costi e tutto quello che è annesso a una nuova apertura.

I servizi offerti da un call center

Come accennato in premessa, sono tanti i generi di lavoro che possono essere affidati a un call center, tra questi troviamo:

  • campagne di telemarketing o telereselling,
  • gestione di numeri verdi per richiesta informazioni o assistenza,
  • ricerca di clienti e gestione degli appuntamenti,
  • customer care per aziende che verificano la soddisfazione dei clienti a riguardo di un determinato prodotto o servizio,
  • segreteria virtuale per associazioni o aziende,
  • help desk per la risoluzione di problemi legati a un prodotto o servizio.

Requisiti e iter per aprire un call center

Per prima cosa diamo uno sguardo a quello che necessità dal punto di vista del luogo di lavoro, sottolineando che per aprire un call center non servono spazi enormi ma una dotazione di base appropriata.

Dovrete avere a disposizione uno o più terminali, attraverso l’utilizzo di PC fissi o portatili che possono essere sia nuovi che usati, accessori per i lavoratori come le cuffie con microfono, una connessione ADSL adatta e costante  e un programma gestionale in base al genere di attività che andrete ad effettuare.

Ovviamente vi servirà un locale più o meno grande, in base al numero delle persone impiegate, e il relativo arredamento.

Passando ora all’iter burocratico necessario per aprire un call center, ricordate che, per quanto sia piccola la vostra attività, andrete a dar vita ad una vera e propria attività commerciale.

Di conseguenza dovrete aprire una partita Iva in forma individuale o societaria, depositare i necessari atti presso il Registro delle Imprese ed effettuare un’iscrizione presso l’INPS e INAIL competente per territorio.

Oltre alla realizzazione di un call center in proprio, il mercato offre la possibilità di aprirne uno sfruttando il contratto commerciale del franchising.

Si tratta di soluzioni che vengono fornite dal franchisor con una modalità “chiavi in mano”, che garantiscono la possibilità di avviare immediatamente la propria attività lavorativa.

Tali formule offrono il vantaggio di avere software gestionali ottimizzati e un numero di commesse garantito, senza bisogno di proporsi direttamente sul mercato attraverso pubblicità e operazioni di marketing.

Quanto costa aprire un call center? Scopriamolo nel dettaglio

Per prima cosa dovete considerare i costi relativi all’acquisto o affitto dello spazio da dedicare all’attività, che sono variabili in base alla grandezza del call center che volete realizzare.

Oltre ai locali ci sarà anche il costo degli arredi e quello relativo al personale che lavorerà per voi, facendo attenzione che esso venga messo in regola con i contratti nazionali e con le relative iscrizioni all’INPS, al fine di evitare che la vostra attività incorra in contestazioni o subisca gravi danni d’immagine.

Altri costi sono rappresentati dalle strumentazioni informatiche e dall’eventuale software necessario.

Tutti questi elementi messi assieme generano una forbice di spesa che può variare dai 5 ai 50 mille euro.

Il discorso costi è differente se decidiamo di affidarci a un’attività di franchising, in questo caso la struttura madre potrebbe garantire la fornitura di arredi, attrezzature e software a fronte del corrispettivo di parte dei vostri guadagni.

Consulenza gratuita per aprire un call center

Se vuoi entrare nel mondo dei call center richiedici una consulenza gratuita, mettiamo a tua disposizione professionisti del settore e in generale della finanza agevolata che ti assisteranno durante tutte le fasi, dal disbrigo delle pratiche, all’apertura del locale fino all’ottenimento delle necessarie autorizzazioni, aiutandoti a realizzare il sogno di avviare la tua nuova attività in proprio.

Share
Nessun commento

Lascia un commento