Top
Home » Aprire un'Attività » Come aprire un negozio di fuochi d’artificio
Fuochi d'artificio

Come aprire un negozio di fuochi d’artificio

I fuochi d’artificio hanno da sempre esercitato un certo fascino. Come tutti sappiamo i fuochi d’artificio nascono in Cina, con la scoperta della polvere da sparo. Nell’800 d.C con la dinastia Tang un alchimista diede vita al primo fuoco d’artificio mescolando carbone, zolfo e salnitro. Da quel momento la polvere di fuoco, così come veniva chiamata, venne utilizzata per celebrare feste e matrimoni.

Ancora oggi i fuochi d’artificio ci accompagnano nei momenti più belli ed importanti della nostra vita e per questo aprire un negozio di fuochi d’artificio rappresenta un’ottima opportunità di guadagni. Come per l’apertura di qualsiasi genere di negozio, anche in questo caso è fondamentale scegliere una location strategica, oltre ad avere prodotti di qualità e sempre molto richiesti, in linea con le tendenze degli ultimi anni.

Iter e requisiti per aprire un negozio di fuochi d’artificio

Aprire un negozio di fuochi d’artificio non è cosa semplice in quanto esistono diversi requisiti fondamentali da rispettare. Tutto dipende dalla tipologia di fuochi di artificio che ci apprestiamo a vendere ed in base a ciò si dovranno richiedere diverse licenze ed autorizzazioni.

Chi fa richiesta per l’apertura di un negozio di fuochi d’artificio, ad esempio, potrebbe doversi sottoporre ad un esame per la detenzione e la vendita di materiale esplodente.

Come è noto, poi, ci sono restrizioni anche sulla vendita dei fuochi d’artificio. Per gli articoli meno pericolosi c’è la libertà di vendita ai vari soggetti interessati. Per alcuni prodotti, invece, occorre essere in possesso di specifiche licenze da esibire per procedere all’acquisto in negozio. È poi vietata la vendita ai minorenni.

Le restrizioni riguardano ovviamente anche il locale adibito alla vendita. Questo dovrà rispettare tutte le norme di sicurezza circa la conservazione delle scorte e dei prodotti infiammabili ed esplosivi. Il negozio, inoltre, dovrà essere in possesso di tutti i permessi specifici del caso e delle assicurazioni.

Dal punto di vista burocratico occorre aprire la partita IVA presso l’Agenzia delle Entrate e rivolgersi allo Sportello Suap del comune di appartenenza per ricevere la SCIA.

Investimenti per l’apertura di un negozio di fuochi d’artificio

L’investimento per l’apertura di un nuovo negozio di fuochi d’artificio può essere abbastanza contenuto. Il negozio non deve essere eccessivamente grande. Bastano, infatti, circa 40 metri quadri per mettere in esposizione tutti quei prodotti che possono interessare ai potenziali clienti.

Molto importante è invece lo spazio destinato alla conservazione dei prodotti che deve rispettare determinati requisiti di sicurezza. L’arredamento deve essere semplice in modo da lasciare il giusto spazio ai clienti ed alla merce in esposizione.

Da un punto di vista economico l’investimento iniziale per l’apertura di un nuovo negozio di fuochi d’artificio varia a seconda della grandezza del negozio e della posizione dello stesso.

In termini economici si va da un minimo di 15mila euro a salire, per avere il giusto quantitativo di prodotti da destinare alla vendita. Gran parte dell’investimento, oltre che alla fornitura dei prodotti, va destinato alla messa a norma dei locali adibiti alla vendita.

Consulenza gratuita

Come abbiamo detto in precedenza aprire un negozio di fuochi d’artificio può essere una soluzione molto vantaggiosa. I guadagni, infatti, possono essere molto alti a fronte di un investimento piuttosto contenuto.

Se anche tu sei interessato all’apertura di un negozio di fuochi d’artificio puoi chiedere una consulenza gratuita agli esperti di Contributi PMI.

I nostri consulenti accoglieranno le tue domande e verificheranno la possibilità di aver accesso a finanziamenti che possono facilitare il tuo sogno di aprire un negozio di fuochi d’artificio.

Share

Richiedi una Consulenza Gratuita




Nessun commento

Lascia un commento