Top
Home » Aprire un Negozio » Come aprire una onlus
Aprire una onlus

Come aprire una onlus

Con il termine di ONLUS viene identificata un’Organizzazione non Lucrativa di Utilità Sociale di cui fanno parte tutte le Associazioni, Comitati, Fondazioni, le Società Cooperative e gli altri Enti di carattere privato, con o senza personalità giuridica, che hanno degli statuti o atti di costituzione redatti sotto forma di atto pubblico o della scrittura privata autenticata, che svolgono attività finalizzate esclusivamente alla solidarietà sociale e sono senza fini di lucro.

Le ONLUS operano all’interno di settori che sono identificati a livello normativo del D.Lgs. 460 del 4 dicembre 1997 e i loro utili e avanzi devono essere impiegati per la realizzazione della loro attività e non possono essere distribuiti ai soggetti che ne fanno parte.

Finanziariamente le ONLUS percepiscono fondi tramite donazioni, tra cui l’8 per mille, ma possono anche auto-finanziarsi attraverso la vendita di prodotti.

Creare una ONLUS, la parte amministrativa

L’apertura di una ONLUS deriva da una passione che riguarda una determinata causa, individuata la vostra, cercate delle persone affini e considerate insieme a loro che tipo di lavoro realizzare.

Dovrete definire la vostra mission, ovvero cosa fa l’organizzazione, realizzando una descrizione che dovrà essere breve, chiara e priva di espressioni gergali.

I passi successivi sono quelli di trovare un nome a questa organizzazione e stendere lo statuto o regolamento, per definire le decisioni che verranno prese e da chi, ma anche l’organizzazione dell’associazione e come verranno risolti eventuali conflitti.

Le ONLUS devono dotarsi di un Consiglio Direttivo, formato da almeno tre persone, una volta costituito quest’ultimo e il relativo regolamento potrete registrare l’organizzazione presso l’Agenzia delle Entrate, inserendola nell’apposito anagrafe dedicata alle ONLUS.

La registrazione andrà effettuata anche all’Ufficio del Registro o presso un notaio e inviata successivamente alla Prefettura per le segnalazioni di competenza.

La pratica verrà così inviata al Ministero competente, per poi arrivare alla Presidenza della Repubblica.

L’apertura di una sede e le figure indispensabili per una ONLUS

L’apertura di una nuova ONLUS comporta necessariamente l’individuazione di una sede associativa.

Anche se internet ad oggi consente di avere contatti e presenza anche a livello web, avere dei locali a disposizione è una necessità.

Sarà importante equipaggiare la sede con le opportune attrezzature quali arredi, computer e connessione internet, ma vanno curate con particolare attenzione anche le figure che si adopereranno per la mission dell’organizzazione.

E’ necessario porre particolare attenzione all’aspetto finanziario e alla visibilità dei progetti, al fine di trovare mezzi economici per realizzare le attività.

All’interno dello staff è importante avere una figura di progettista, in grado di identificare i bandi e scrivere proposte efficaci, mentre una volta ottenuti i fondi dovrete annoverare anche un contabile esperto al fine di poterli gestire al meglio.

L’ONLUS dovrà avere anche un sito web ben curato, con foto, descrizione dei progetti, aggiornato in modo costante e collegato agli account social più utilizzati. Questo permetterà di dare maggiore visibilità all’operato dell’organizzazione e fornire un continuo feedback sulle attività svolte.

I costi per l’apertura di una ONLUS

La differenza di costi per l’apertura di un’organizzazione è data principalmente dalla natura della stessa, ovvero se risulta riconosciuta o non riconosciuta.

Per quelle non riconosciute, le spese riguardano solamente la redazione di atti e relative imposte e marche da bollo, cifre che possono essere quantificabili in poche centinaia di euro.

Discorso differente quando si parla di organizzazioni riconosciute, che deve essere costituita attraverso un atto pubblico dal notaio o dal Segretario Comunale.

Questo determina un aumento dei costi generali che possono arrivare anche a circa 1000 euro, che comprendono anche le imposte e marche da bollo necessarie anche in questa casistica.

A queste spese di costituzione vanno poi aggiunte tutte le altre quali: i costi della sede, attrezzature e mobilia varia.

Cosa molto importante e che va nuovamente sottolineata è che i ricavi delle ONLUS non sono soggetti a tassazione, per queste associazioni non costituisce esercizio di attività commerciale lo svolgimento delle attività istituzionali nel perseguimento di esclusive finalità di solidarietà sociale.

Hai bisogno di aiuto per realizzare la tua ONLUS?

Se desideri ricevere tutte le informazioni e un aiuto concreto nella realizzazione della tua ONLUS, richiedici una consulenza gratuita.

Esperti del settore e nel campo della finanza agevolata sono a tua completa disposizione per aiutarti nel realizzare il sogno di aprire la tua organizzazione, curando ogni minimo dettaglio e incombenza relativa alla sua apertura e gestione.

Share
Nessun commento

Lascia un commento