Top
Home » Aprire un Negozio » Come aprire una scuola privata: iter burocratico e costi
Aprire una scuola privata

Come aprire una scuola privata: iter burocratico e costi

Se siete minuti di uno spiccato spirito imprenditoriale, dovete sapere che il settore educativo offre delle interessanti possibilità di guadagno. In Italia l’offerta formativa fornita dalle scuole pubbliche non sempre riesce a soddisfare le esigenze degli studenti e delle famiglie, per cui proporre dei servizi a carattere privatistico aiuta a colmare quelle che sono le lacune del sistema istituzionale.

Un’attività che, sebbene debba aderire a delle linee guida ministeriali, garantisce un certo margine di personalizzazione rispetto alla tradizionale scuola pubblica.

Per gestire al meglio l’apertura di una scuola privata dovrete mettere in campo un’elevata passione per l’ambito formativo, combinata a delle specifiche competenze nel campo delle realtà educative.

Dovrete mettere in campo, inoltre, delle doti efficaci di gestione del team di lavoro, che sarà composto da professionisti tra cui insegnanti, responsabili per la sicurezza e l’igiene e i promotori delle attività.

La scuola privata, quale profilo scegliere?

Una delle prime cose su cui si deve riflettere quando si decide di aprire una scuola privata è il profilo che va associato all’istituto. Le proposte possibili s’indirizzano o verso coloro che devono recuperare anni scolastici oppure verso un insegnamento dedicato al mondo degli adulti.

Oltre a questi due primi profili, stanno prendendo molto piede anche le scuole private legate all’insegnamento delle lingue straniere, oppure istituti professionali privati, che mettono in campo una formazione specifica per una determinata professione.

Sotto l’aspetto legale la scuola privata potrà decidersi se proporsi, o meno, come scuola paritaria, in quest’ultimo caso dovrete seguire interamente le direttive ministeriali erogando titoli e certificati del tutto identici a quelli delle scuole pubbliche.

Aprire una scuola privata: le autorizzazioni da richiedere

L’iter burocratico per l’avvio di una scuola privata si divide in due filoni: la scelta del locale e l’ottenimento delle necessarie autorizzazioni e la parte relativa alle abilitazioni che devono essere rilasciate dagli uffici scolastici.

Partiamo dai locali, una volta selezionato uno stabile che permetta di svolgere l’attività nel migliore dei modi, si dovrà verificare che lo stesso sia in regola per quanto riguarda le normative edilizie, sanitarie e di sicurezza. Dovrà essere ottenuto, di conseguenza, l’idoneità da parte dell’ASL, rilasciata a seguito di presentazione di apposita domanda e dopo l’effettuazione di un sopralluogo in loco.

I locali dovranno poi essere provvisti dei principali allacciamenti e utenze: acqua, luce, climatizzazione, internet e telefoni.

La seconda fase riguarda le attestazioni all’esercizio dell’attività di scuola privata, che vengono rilasciate dagli Enti preposti sulla base della tipologia di istituto che andrete a creare e in base alla fascia di età degli studenti che verranno accettati nella scuola.

A garantire l’avvio della vostra attività imprenditoriale sarà la Segnalazione di Inizio Attività (SCIA) che andrà presentata al Comune di appartenenza.

Secondari, ma non di minore importanza, sono gli aspetti legati all’apertura di una nuova partita IVA, l’iscrizione al Registro delle Imprese e l’apertura delle posizioni INPS e INAIL del titolare dlel’azienda e di tutti i collaboratori che esercitano nella scuola.

Costi e finanziamenti per aprire una scuola privata

Chi vuole intraprendere il percorso di apertura di una scuola a carattere privatistico deve mettersi in mente che dovrà sostenere dei costi decisamente elevati.

A partire dai locali che dovrete avere a disposizione, le superfici che ospiteranno la scuola dovranno garantire la possibilità di avere ampie aule, sale riunioni, servizi igienici, uffici per il personale amministrativo, palestra per l’educazione fisica e aree ricreative.

Questo determina che l’affitto o l’acquisto di tale struttura comporta un esborso non indifferente che andrà ad incidere in maniera consistente sull’investimento da mettere in campo.

Unitamente al costo dei locali dovrete sostenere anche quello relativo al personale, tra amministrativi, docenti, collaboratori scolastici e altre figure, dovrete avere a disposizione uno staff di professionisti completo e funzionale, che necessariamente comporta un a importante voce sul bilancio mensile della vostra attività.

Ad agevolare l’avvio di nuove realtà nel campo della scuola privatistica sono disponibili finanziamenti, che potranno essere reperiti attraverso diversi canali.

Difficile stabilire un budget preciso per aprire una scuola privata, lo stesso dipende infatti dalla valutazione di diversi fattori, ma sicuramente l’esborso economico necessario risulta essere di alcune centinaia di migliaia di euro.

Come aprire una scuola privata: consulenza gratuita

Aprire una scuola privata è un’operazione che necessita delle competenze specifiche per quanto riguarda sia i permessi da ottenere che le autorizzazioni dal punto vista formativo e scolastico.

Proprio per questo, il nostro staff di professionisti, si prefigge lo scopo di fornire una precisa consulenza gratuita per chi vuole avviare questo genere di attività, curando nel dettaglio ogni genere d’incombenza e garantendo un risultato professionale e competente al vostro progetto imprenditoriale.

Share
Nessun commento

Lascia un commento