Top
Home » Aprire un Negozio » Come aprire un’agenzia di onoranze funebri
Come aprire un'agenzia di onoranze funebri

Come aprire un’agenzia di onoranze funebri

L’agenzia di onoranze funebri rappresenta uno di quei mestieri destinati a non finire mai. Purtroppo, è qualcosa di naturale e di fisiologico che prima o poi colpisce tutti. Non esiste alcun rimedio alla morte. Ecco perché già in passato molte persone si sono dedicate ad un’attività che può rivelarsi davvero molto redditizia. Questo settore, dunque, non ha conosciuto e non conosce crisi ma non bisogna pensare che fare un mestiere del genere sia facilissimo. Soprattutto dal punto di vista emotivo, non sempre potrebbe essere semplice gestire lo stress che comporta questo lavoro. In questa guida cercheremo di approfondire gli aspetti legati ai requisiti e all’iter burocratico da seguire per aprire un’agenzia di onoranze funebri.

I requisiti per aprire un’agenzia di onoranze funebri

Ci sono aspetti importanti di questo lavoro che vanno valutati. Il primo è che, in linea generale, bisognerebbe essere sempre disponibili, durante tutto l’arco di una giornata. Ricordiamo che i servizi principali di un’agenzia di onoranze funebri riguardano il trasferimento del corpo del defunto e la preparazione del luogo di sepoltura. Ovviamente, potrebbero esserci dei servizi aggiuntivi che vengono richiesti dagli utenti. Infatti, volendo approfondire gli aspetti legati ai servizi delle onoranze funebri, bisogna precisare che essi si occupano soprattutto dei funerali. Ciò vuol dire che è la ditta di onoranze funebri a trasportare la salma dalla casa del defunto o dall’ospedale in chiesa. Il funerale ha termine nel momento in cui la salma viene tumulata. L’agenzia potrebbe essere chiamata ad occuparsi anche degli addobbi floreali, della cremazione, nonché dell’affissione di manifesti e della pubblicazione dei necrologi. Un’agenzia di onoranze funebri si occupa, infine, della vendita di bare e di altri articoli relativi sempre al funerale.

L’aspetto emotivo, come detto anche prima, gioca una parte molto importante. Infatti, per fare questo lavoro è necessaria una grande sensibilità. Si entra a contatto con le persone in un momento molto delicato che si lega alla scomparsa di un familiare o di un parente stretto.

L’iter burocratico

L’iter burocratico non è molto lungo ma non è nemmeno così semplice. Innanzitutto, bisogna rendersi conto se si dispone dei requisiti che prevede l’ordinamento in materia. Essi sono:

  • Onorabilità, nel senso che chi fa richiesta di licenza presso il comune di competenza non deve avere condanne di tipo civile e penale, non deve essere interdetto o sottoposto a procedure fallimentari
  • Moralità da parte del soggetto richiedente
  • Capacità finanziaria che consenta di accedere al credito

Se non si dispone di questi requisiti diventa praticamente inutile tentare di procedere con la pratica. Una volta accertata la presenza di questi requisiti è necessario procurarsi la documentazione che serve per la presentazione della domanda di licenza la quale andrà inoltrata allo Sportello delle Attività Produttive del comune di competenza, ovvero del comune che ospita i locali in cui l’azienda svolge ed offre i servizi di onoranze funebri.

Se si riesce ad ottenere la licenza gli step successivi riguarderanno l’apertura della Partita Iva e l’iscrizione presso la Camera di Commercio. Il titolare dell’agenzia dovrà procurarsi la dichiarazione di idoneità del mezzo da usare per il trasporto delle salme e dovrà, infine, fare l’iscrizione presso l’Inps e l’Inail.

Share
Nessun commento

Lascia un commento