Top
Home » Aprire un Negozio » Come aprire uno studio di registrazione: iter e costi
Aprire uno studio di registrazione

Come aprire uno studio di registrazione: iter e costi

La nostra vita è contornata dalla musica: è una parte fondamentale delle nostre giornate e una delle forme d’arte che sono maggiormente apprezzate e utilizzate da tutti, piccoli e grandi. A testimonianza di questo, basti pensare a tutti i luoghi in cui è possibile ascoltare musica ma anche al crescente numero di programmi televisivi che in questi ultimi anni hanno affollato il palinsesto di tutte le reti.

Proprio per queste motivazioni aprire uno studio di registrazione potrebbe essere un’idea interessante per garantirsi un’attività indipendente e in grado di generare guadagni. Le sale di registrazione non sono frequentate solamente dai cantanti e da gente del mondo dello spettacolo quando devono incidere delle canzoni o album, ma fungono anche da luogo in cui le giovani band e le promesse del canto possono esercitarsi o prendere lezioni.

Per non parlare dei lavori connessi che sono effettuati in tali luoghi, basti pensare ai doppiaggi nel mondo del cinema.

Aprire uno studio di registrazione: scelta della location e iter burocratico

Un ruolo importante nell’avvio di un nuovo studio di registrazione lo gioca la location, che dovrà essere studiata nei minimi dettagli al fine di non incappare in problematiche riguardanti il rumore.

Questi studi di registrazione, pur essendo completamente insonorizzati, sono delle vere e proprie casse musicali che possono generare fastidio verso altre persone, nel caso in cui il locale si trovi vicino a delle case o ad altri recettori sensibili.

Al fine di evitare problematiche legate a molestie sonore o denunce per disturbo della quiete pubblica, è bene che queste attività siano posizionate nell’ambito di tessuti artigianali o industriali, oppure in luoghi isolati che non siano direttamente a contatto con abitazioni o altre attività sensibili.

Per disciplinare l’apertura di uno studio di registrazione devono essere fatti alcuni passaggi burocratici che non differiscono da quelli riguardanti l’avvio di qualsiasi altra attività. Presso l’Agenzia delle entrate andrà registrata una nuova partita IVA, mentre è necessaria anche l’iscrizione al Registro delle Imprese della Camera di Commercio competente per territorio.

Particolare attenzione dovrà essere messa per quanto riguarda il locale, che dovrà essere a norma dal punto di vista edilizio, urbanistico e per l’abitabilità. L’attività prevede anche lo stazionamento di persone all’intero, pertanto dovranno essere adottati tutti gli accorgimenti riguardanti la sicurezza antincendio.

La procedura per l’avvio dell’attività è la Segnalazione di Inizio Attività (SCIA), da presentare al Comune di competenza e che permette, dopo 30 giorni, di esercire lo studio.

Per evitare problematiche riguardanti il rumore, è bene predisporre una relazione d’impatto acustico, redatta da tecnico competente, che vada a verificare che i limiti sonori emessi siano in linea con quanto disposto dalla zonizzazione acustica comunale.

I costi per l’apertura dello studio di registrazione

I costi da sostenere per questo genere di attività partono con l’affitto o l’acquisto del locale da adibire a sala di registrazione. La lista della spesa include poi l’attrezzatura necessaria per lo svolgimento dell’attività: parliamo di computer, impianto audio, strumenti musicali, programmi informatici e sistemi di registrazione che fanno impennare il monte spesa necessario per eseguire delle registrazioni.

Un altro elemento importante che incide nel totale delle spese è la predisposizione del locale, attraverso l’adeguamento dell’impianto elettrico e l’installazione di un sistema d’insonorizzazione efficace.

Consulenza Gratuita

Una delle fasi più delicate riguardanti l’apertura di una nuova attività è quella iniziale, in cui devono essere predisposte tutte le pratiche e le procedure necessarie.

Per aiutare l’imprenditore a districarsi nel caos della burocrazia e permettergli di avviare senza intoppi la sua attività in proprio, lo staff di professionisti di Contributi PMI mette a disposizione una consulenza gratuita in grado di seguire l’azienda in tutte le procedure necessarie, richieste di finanziamento comprese.

Share

Richiedi una Consulenza Gratuita




Nessun commento

Lascia un commento