Top
Home » Finanziamenti » Finanziamenti a fondo perduto per l’agricoltura 2018: bando Terre Colte
Finanziamenti a fondo perduto agricoltura

Finanziamenti a fondo perduto per l’agricoltura 2018: bando Terre Colte

Il bando Terre Colte è un’iniziativa nata per volontà della Fondazione con il sud in collaborazione con Enel Cuore Onlus per valorizzare i terreni incolti e abbandonati nel sud Italia.
Il bando riguarda le organizzazioni del terzo settore di Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia, Sardegna e Campania.

L’obiettivo è rinnovare la tradizione agricola e pastorale delle regioni coinvolte; c’’è la volontà di offrire un’opportunità lavorativa e sociale a persone in stato di difficoltà, che offrire nuove chance ai giovani.

Questo bando, dunque, che prevede una parte di finanziamento a fondo perduto, ha finalità economiche e sociali.
Entriamo nel dettaglio.

A chi è rivolto il bando terre colte

Terre colte è un bando destinato a organizzazioni che si strutturino in partnership. È previsto un finanziamento per un totale di 3 milioni di euro, di cui 2 messi a disposizione dalla Fondazione Con il Sud e uno da Enel Cuore Onlus.

Per la precisione, possono presentare una proposta di progetto le organizzazioni senza scopo di lucro (associazioni, cooperative sociali, consorzi sociali, enti ecclesiastici, fondazioni) a patto che svolgano un’attività coerente con la mission dei due enti promotori del bando.

Le organizzazioni che vogliono partecipare al bando, inoltre, devono essere costituita almeno da due anni ed avere la sede legale e operativa nelle regioni dove opera Fondazione Con il Sud.

L’organizzazione che presenta domanda dev’essere in partnership con almeno altri due soggetti, di cui uno almeno del terzo settore.

A sua volta, le società che non sono parte del terzo settore dovranno appartenere al mondo delle istituzioni, dell’università e della ricerca oppure al settore economico.

Anche in caso di partnership con imprese profit le finalità del progetto non dovranno essere ispirata alla ricerca del profitto, ma alla crescita e allo sviluppo del territorio.

Come funziona e cosa finanzia terre colte

Il bando prevede la concessione da parte di un proprietario terriero di uno o più fondi a un soggetto fra i componenti del partenariato che ha proposto il progetto.

Il contratto di concessione deve avere una durata minima almeno di 10 anni e prevede:

  • Un canone di affitto simbolico per un periodo di almeno di 5 anni;
  • Per i 5 anni successivi un canone annuale concordato;
  • Il diritto di recesso senza oneri per il conduttore.

I fondi concessi devono necessariamente essere incolti o abbandonati: a confermarlo sarà una perizia tecnica, redatta da un esperto.

A parte le attività di coltivazione e di allevamento, il progetto prevede la possibilità di dare vita ad attività di tipo artigianale, commerciale, turistico e sociale, a patto però che siano connesse a quelle agricole e, soprattutto, non assorbano la parte maggiore del budget.

Si può richiedere un contributo massimo 500mila euro a progetto, progetto non deve avere una durata inferiore ai 24 mesi né superiore ai 48 mesi.

Fondazione Con il Sud e Enel Cuore Onlus erogheranno il finanziamento in quattro diversi momenti: un anticipo del 30%, un acconto in due tranche del 20% massimo del contributo e, infine, il saldo basato sulle spese sostenute.

Termini della domanda e modalità di ammissione

Tutte le domande devono essere inviate (in via telematica) entro le 13 del prossimo 23 febbraio 2018 attraverso la piattaforma Chairos.

Il progetto dovrà avere inizio entro 90 giorni dall’assegnazione del contributo.

Le domande devono contenere:

  • L’atto costitutivo e lo statuto del soggetto responsabile del progetto
  • I bilanci di esercizio degli ultimi due anni del responsabile del progetto
  • Il contratto d’affitto
  • La perizia tecnica che attesti lo stato di terra incolta
  • Altri documenti come la visura catastale e documentazione fotografica

Inoltre, dovranno essere presenti i curriculum vitae delle quattro “figure chiave” coinvolte nel progetto e un piano di fattibilità tecnica ed economica.

Terre colte: un’iniziativa per l’agricoltura del Meridione

Il bando Terre Colte nasce con lo scopo di ridare slancio alle imprese agricole e alla valorizzazione dei prodotti del territorio italiano.

Come afferma il ministro Maurizio Martina, l’iniziativa ha anche la volontà di sviluppare modelli agricoli innovativi nelle aree del Mezzogiorno.

Si tratta dunque di un bando che vuole valorizzare un settore strategico non solo per il sud Italia, ma per tutta l’economia italiana.

Se sei interessato a partecipare al bando Terre Colte, contattaci subito: ti offriremo una consulenza gratuita per compilare la domanda in tutte le sue parti e a ottenere il finanziamento.

Share
Nessun commento

Lascia un commento