Top
Home » Aprire un Negozio » Aprire un negozio di musica: i requisiti necessari
Come aprire un negozio di musica

Aprire un negozio di musica: i requisiti necessari

Il mondo della musica ha subito in questi ultimi anni un profondo cambiamento, con l’inesorabile scomparsa dagli scaffali di vendita dei cd in favore di nuove soluzioni di ascolto della stessa per mezzo dei servizi di streaming e online. Smartphone, tablet, TV Smart e altri dispositivi intelligenti sono in grado di riprodurre musica in streaming ovunque e con molta semplicità, tanto da mandare in crisi la vendita di album e compact disc.

Proprio per queste premesse aprire un negozio di musica oggi deve essere un’operazione commerciale studiata nei mini dettagli, che deve basarsi sulla volontà di creare un luogo che consente ai nostalgici di fare un tuffo nel passato e rivivere le emozioni di quando erano giovani. Bisogna quindi puntare su una vendita di nicchia, ricercata, in grado di generare ancora oggi guadagni interessanti per l’imprenditore.

Fondamentale trovare, da vendere nel negozio, dei prodotti interessanti che abbiano ancora mercato e coprano i vari aspetti e campi del mondo della musica: album, strumentazioni, accessori e altro ancora.

La prima cosa da fare se si vuole aprire un negozio di musica è di redigere un business plan che prenda in considerazione tutti i vari aspetti riguardanti l’avvio di una nuova attività. Dal budget disponibile, alla possibilità di ottenere finanziamenti, allo studio del mercato al fine di individuare un punto di forza nella propria attività di vendita, fino alla giusta localizzazione del punto vendita, in modo che sia visibile e facilmente raggiungibile.

I requisiti e le incombenze burocratiche per aprire un negozio di musica

Per aprire un nuovo negozio di musica non bisogna avere dei particolari requisiti, ma dovrete avere un’elevata competenza e passione per il mondo della musica. Conoscere il settore, saper indirizzare al meglio il cliente sono doti fondamentali per garantirsi una clientela di nicchia che si fida del vostro lavoro e dei consigli.

Per prima cosa vanno regolate le incombenze amministrative, come la registrazione di una nuova partita IVA presso l’Agenzia delle Entrate e l’iscrizione al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio della propria città.

Risolte queste prime necessità ci si dovrà occupare del locale che sarà utilizzato come negozio. Esso dovrà essere in regola con le vigenti normative edilizie e sanitarie e avere la certificazione di agibilità. Per avviare l’attività commerciale la procedura da seguire è quella della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) che andrà presentata al Comune di appartenenza allo Sportello Unico delle Attività Produttive, una procedura semplice di silenzio assenso che, trascorsi i termini di legge, permetterà di aprire da subito la propria attività.

I costi per l’apertura di un negozio di musica

L’apertura di un negozio di musica non comporta delle sostanziali differenze rispetto ad altri generi di attività, e l’investimento iniziale dipende da quanto grande è il punto vendita, dalla sua localizzazione e da quanti generi di prodotti volete presentare ai vostri clienti.

A grandi linee la quota iniziale da investire parte da circa 30 mila euro a salire, ma molto dipende dall’eventuale costo di acquisto o affitto del locale, e dalla fornitura di prodotti musicali dedicati alla vendita. C’è anche la possibilità di aprire un negozio del genere in franchising, contenendo i costi iniziali e contando su un partner affidabile e solido che fornirà il supporto necessario all’avvio e alla gestione dell’attività.

Consulenza tecnica e amministrativa per l’avvio di una nuova attività

Avviare un’attività in proprio non è mai semplice, e anche un minimo errore potrebbe costare caro. Se non siete esperti nelle questioni burocratiche e amministrative evitate il fai-da-te, ma rivolgetevi a veri esperti del settore che sapranno guidarvi nel giusto modo e farvi aprire nel modo corretto il vostro nuovo negozio.

Proprio per questo mettiamo a disposizione uno staff di professionisti nel campo finanziario e amministrativo in grado di fornire una consulenza gratuita e valutare l’eventuale accesso a finanziamenti a fondo perduto.

Share
Nessun commento

Lascia un commento