Top
Home » Aprire un Negozio » Aprire un’agenzia investigativa: requisiti e costi
Come aprire un'agenzia investigativa

Aprire un’agenzia investigativa: requisiti e costi

Non è una cosa così comune trovare casualmente un’agenzia investigativa, eppure sono molte le persone che si affidano ad investigatori privati per scoprire ciò che non riescono a spiegarsi. E’ un settore in crescita negli ultimi anni e per questo aprire un’agenzia investigativa può essere considerata una buona idea imprenditoriale.

Chiunque, quindi, voglia cimentarsi in un’attività di questo genere, avrà due certezze: quella di trovare clienti e quella di non annoiarsi. E’ un lavoro insolito ma mai monotono. Si possono seguire casi privati, indagini commerciale, “sognando” di essere in un film.

Requisiti ed iter burocratico per aprire un’agenzia investigativa

Aprire un’agenzia investigativa richiede possedere determinati requisiti. Il percorso è leggermente più complesso di quello necessario per aprire le altre attività. Tuttavia non bisogna scoraggiarsi perché se si è in possesso di alcuni prerequisiti, tutto è più semplice.

Innanzitutto per aprire un’attività di questo genere è necessario che il titolare possieda una laurea del tipo giurisprudenza, psicologia forense, scienze giuridiche; in più per essere abilitato all’attività di investigazione privata è obbligatorio aver seguito un corso di 80 ore organizzato direttamente dal Ministero dell’Interno.

Il percorso di formazione non termina con la laurea e lo specifico corso indetto dal Ministero; prima di poter essere autorizzato ad aprire un’agenzia investigativa è necessario affrontare un tirocinio di 3 anni presso uno studio legalmente riconosciuto.

Dopo di ciò è doveroso richiedere all’Associazione Italiana Investigatori Privati l’autorizzazione per l’inizio attività. Il certificato di rilascio ha validità pari a 12 mesi, quindi deve essere annualmente rinnovato. Se chi vuole aprire l’agenzia soddisfa tutti i requisiti e conseguentemente l’AIIP consegna la licenza di avvio, ci si può iniziare a muovere concretamente per organizzare l’attività.

Da questo momento in poi si devono compiere tutti quei passaggi fondamentali per l’apertura di un qualsiasi tipo attività. Quindi, bisogna aprire una Partita IVA presso l’Agenzia delle Entrate, registrare la società alla Camera di Commercio competente per territorio al Registro delle Imprese ed, infine, richiedere la SCIA presso lo sportello SUAP del Comune di riferimento.

In sostanza l’unico ostacolo per aprire un’agenzia investigativa può essere rappresentato dai prerequisiti perché generalmente, se si è in possesso dei titoli di studio richiesti e non si è incorsi in processi penali, l’AIIP concede la licenza.

I costi per aprire un’agenzia investigativa

La spesa necessaria per aprire un’agenzia investigativa non può essere preventivata; è molto variabile perché differente può essere il tipo d’investimento che si vuole sostenere. Se, dunque, la spesa per l’affitto di un locale può variare, la licenza ha un costo definito che può cambiare da regione in regione.

Indicativamente 50.000 euro è il costo per entrare in possesso della licenza che permette, come ha stabilito il DM 269/2010, di svolgere a 360 gradi l’attività d’investigazione privata.

Tutto sommato si può dire che per aprire un’agenzia di questo genere è necessario sostenere una spesa che si aggira trai 60.000 e gli 80.000 euro, perché al costo dell’affitto e a quello della licenza deve essere aggiunto quello legato all’acquisto del materiale lavorativo, ovvero l’apparecchiatura necessaria per svolgere l’attività di detective.

Come aprire un’agenzia investigativa: consulenza gratuita

In conclusione si può dire che per chi fosse in possesso di una delle lauree richieste dall’AIIP e vuole aprire un’attività tutta sua, l’agenzia d’investigazione può essere dunque un’ottima idea. Non è una cosa semplice per cui bisogna mettere in conto anche la disponibilità economica per sostenere una spesa del genere.

In ogni caso è molto concreta la possibilità che il vostro investimento frutti, soprattutto se saprete pubblicizzare al meglio il vostro lavoro e renderlo ottimale attraverso strategie di marketing. E’ importante avere un business plan chiaro e per questo si consiglia di farsi aiutare da esperti a mettere in piedi l’attività.

Contributi PMI offre una consulenza aziendale gratuita per valutare l’eventuale accesso a finanziamenti a fondo perduto e la fattibilità dell’idea imprenditoriale.

Share

Richiedi una Consulenza Gratuita




Nessun commento

Lascia un commento