Top
Home » Aprire un Negozio » Come aprire una cioccolateria: procedimento e costi
Aprire una cioccolateria

Come aprire una cioccolateria: procedimento e costi

Gli italiani si sono scoperti negli ultimi anni amanti dei gelati e del cioccolato, tanto che il consumo di questi prodotti è cresciuto in modo esponenziale. Proprio per questo molti imprenditori hanno avviato delle attività in proprio realizzando cioccolato, un’attività che richiede molta attenzione e preparazione ma che può dare molte soddisfazioni in termini di guadagno.

Il cioccolato è un prodotto versatile e ricco di fascino, utilizzabile a qualsiasi temperatura e forma, una grande forma di business per chi vuole puntare sulla qualità, la selezione dei fornitori e l’abbinamento degli ingredienti.

I requisiti per l’apertura di una cioccolateria

Coloro che vogliono intraprendere l’apertura di una cioccolateria solitamente hanno una formazione a livello alberghiero che permette di ottenere le basi e la conoscenza di tale lavoro. Questo però non basta, saper lavorare il cioccolato richiede un profondo studio della materia prima, che può essere accumulato attraverso la frequentazione di corsi specifici oppure attraverso anni di gavetta presso attività similari.

Di corsi in Italia per imparare a lavorare il cioccolato ce ne sono parecchi, e sono proposti da Istituzioni dedite alla promulgazione della cultura di tale alimento, che hanno realizzato a delle vere e proprie accademie.

Questo permetterà, oltre che di conoscere al meglio il cioccolato e tutte le sue lavorazioni, di imparare le tecniche e conoscenze di base necessarie ad avviare un’impresa: dal management, al marketing.

Il procedimento da seguire per aprire una cioccolateria

Per aprire una nuova cioccolateria, il proprietario non deve avere nessun titolo specifico, ma chi lavorerà in azienda per la produzione e lavorazione del cioccolato dovrà avere il requisito di mastro cioccolataio.

Se nell’attività è effettuata anche la somministrazione di bevande, allora bisogna frequentare un corso SAB, che dovrà essere svolto dal titolare e da tutti i dipendenti.

Inoltre dovrà essere fatta l’adesione al sistema di autocontrollo HACCP, che sostituisce il vecchio libretto sanitario, che potrà essere ottenuta frequentando un apposito corso e sostenendo un esame di abilitazione finale.

L’iter per l’apertura di una nuova cioccolateria prevede poi l’apertura di una nuova partita IVA presso l’Agenzia delle Entrate della propria zona, l’iscrizione al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio, la presentazione al Comune di competenza della SCIA (Segnalazione di Inizio attività) che dovrà essere presentata presso lo sportello SUAP.

Inoltre, dovrete richiedere all’ASL di competenza il nulla osta igienico sanitario dei locali che intendete utilizzare per l’esercizio dell’attività.

Quanto costa aprire una cioccolateria

Il costo medio per l’apertura di una cioccolateria varia dai 30 ai 100 mila euro, secondo le dimensioni del locale utilizzato e della tipologia di attività che viene svolta (sola vendita, laboratorio e vendita, vendita e somministrazione).

Il locale a disposizione, se è presente anche un laboratorio, dovrà avere una superficie di almeno 50 mq, al fine di garantire il corretto spazio a tutti gli ambienti di lavoro e i necessari servizi igienici.

La variabilità dei costi dipende anche dalla presenza o meno di personale impiegato nell’attività, e anche da altri fattori quali: una possibile ristrutturazione del negozio, l’arredamento e la predisposizione dei locali, l’acquisto dei macchinari e delle materie prime, tutte somme che non possono essere ridotte senza andare a discapito della qualità finale del lavoro e del prodotto commercializzato.

Chi vuole avviare la propria attività con costi più contenuti, è possibile aprire una nuova cioccolateria affidandosi alla forma del franchising. I vantaggi di questa formula sono: il poter sfruttare un nome già apprezzato dal pubblico, operando sotto la sua egida, avere una fornitura di materie prime e prodotti selezionati, l’arredamento, il marchio, il sostegno della casa madre nelle fasi di avvio e gestione.

Tutto questo comporta il dover dividere i propri guadagni, con una parte di questi ultimi che andrà necessariamente allo stesso marchio con cui avete siglato il contratto di franchising.

Consulenza Gratuita per aprire una cioccolateria

Il nostro team di esperti mette a disposizione una consulenza gratuita, sia per verificare la fattibilità del progetto di business sia per verificare l’accesso ad eventuali finanziamenti a fondo perduto. Contattaci per avviare il tuo sogno imprenditoriale.

Share
Nessun commento

Lascia un commento