Top

Blog

Home » Blog

Ogni anno, specie nel periodo estivo, l’Italia è meta di moltissimi turisti che scelgono le spiagge del nostro paese per trascorrere le loro vacanze. Sono davvero tante le regioni che attraversano lo stivale in cui si trovane spiagge meravigliose. Tutto ciò ha dato la possibilità a tante persone di investire nel settore balneare e di ottenere buoni guadagni. Chi ha una grande passione per il mare o chi vive in paesi in cui ci sono belle spiagge potrebbe pensare di aprire uno stabilimento balneare. Tramite questa guida parleremo del procedimento e dell’iter da seguire per giungere all’apertura di uno stabilimento balneare.

Avere la passione per le armi e fare di essa un lavoro è possibile ma non è certamente facile. Bisogna essere in possesso di determinati requisiti e bisogna studiare molto. Se, però, si ha l’obiettivo di aprire un’armeria e si dispone dei fondi necessari allora è giusto andare avanti e non abbandonare questo sogno. Del resto, viste le tante guerre e battaglie alle quali ha partecipato, l’Italia ha una storia importante sotto questo aspetto ed ottenere il porto e la licenza per la vendita delle armi non è semplicissimo. In questa guida spiegheremo cosa bisogna fare per aprire un’armeria.

L’agenzia di onoranze funebri rappresenta uno di quei mestieri destinati a non finire mai. Purtroppo, è qualcosa di naturale e di fisiologico che prima o poi colpisce tutti. Non esiste alcun rimedio alla morte. Ecco perché già in passato molte persone si sono dedicate ad un’attività che può rivelarsi davvero molto redditizia. Questo settore, dunque, non ha conosciuto e non conosce crisi ma non bisogna pensare che fare un mestiere del genere sia facilissimo. Soprattutto dal punto di vista emotivo, non sempre potrebbe essere semplice gestire lo stress che comporta questo lavoro. In questa guida cercheremo di approfondire gli aspetti legati ai requisiti e all’iter burocratico da seguire per aprire un’agenzia di onoranze funebri.

Se siete appassionati di prodotti per la casa allora potrebbe essere interessante aprire un negozio di generi casalinghi. Questi prodotti, infatti, servono praticamente a tutti perché probabilmente ognuno di noi ha a cuore l’igiene e la pulizia della propria casa. Ovviamente, questo non basta per avere successo. Bisogna puntare su una buona strategia di mercato, trovare il posto giusto e offrire prodotti di qualità a prezzi non eccessivamente alti. Insomma, come per ogni altra attività imprenditoriale, solo il giusto mix di vari fattori potrebbe portare la successo del negozio di casalinghi. Ora vedremo dal punto di vista burocratico e non solo tutto ciò che c’è da sapere per aprire un negozio di generi casalinghi.

Aprire un’attività commerciale richiede, in certi casi, particolari conoscenze, non soltanto di tipo pratico ma anche puramente teorico. Parliamo, ad esempio, del commercio all’ingrosso che rappresenta una buona attività di investimento dal punto di vista imprenditoriale. Bisogna, però, sapere qual è la differenza tra commercio al dettaglio e commercio all’ingrosso per conoscere il tipo di cliente che potrà recarsi nell’uno o nell’altro negozio. La differenza sostanziale sta nel fatto che nel tradizionale commercio al dettaglio i prodotti in vendita possono essere acquistati da tutti mentre nel commercio all’ingrosso solo chi è in possesso di Partita Iva ha il diritto di fare acquisti.

Lo scorso 24 aprile il Ministro della Salute ha firmato un decreto che dà alle micro, piccole, medie e grandi imprese che hanno sede in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia e che partecipano al POI (Programma Operativo Interregionale) “Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica”, la possibilità di usufruire di 120 milioni di euro per realizzare degli investimenti nel settore dedicato all’efficienza energetica. Le aziende che prenderanno parte al progetto riceveranno delle agevolazioni in merito agli investimenti in opere murarie e impianti tecnologicamente avanzati.

“Nuove imprese a tasso zero” è un incentivo per i giovani o per le donne che scelgono di entrare nel mondo dell’imprenditoria, avviando una micro o piccola impresa. Gli incentivi sono validi in tutta l’Italia e finanziano progetti d’impresa con spese fino a 1,5 milioni...

Quante persone oggi si sono votate alla cucina vegetariana? In Italia è partita quasi come una moda che ha subito mietuto ‘vittime’ non solo tra gli animalisti convinti ma anche tra chi pensa che mangiare vegetariano faccia bene alla salute dell’organismo o faccia dimagrire. Qualsiasi sia il motivo per cui si decide di diventare vegetariani, oggi non è più impossibile andare a mangiare fuori casa anche piatti vegetariani dato il continuo spuntare di ristoranti ad hoc per chi ha deciso di rinunciare per sempre a qualsiasi tipo di carne. Aprire un ristorante vegetariano quindi può rivelarsi un buon inizio per fare business.