Top
Home » Aprire un Negozio » Come aprire una gelateria: procedimento e costi
Aprire una gelateria

Come aprire una gelateria: procedimento e costi

Una delle attività che a fronte di un investimento contenuto permette di avere margini interessanti di guadagno è sicuramente quella riguardante l’apertura di una gelateria.

Nonostante che in passato era vista come un’attività esclusivamente legata alla bella stagione, la costante crescita del consumo concernente questo alimento ha fatto ricredere in molti sulle potenzialità di quest’attività, facendola diventare un‘ottima possibilità d’investimento gestibile con pochi dipendenti e senza troppi fornitori da organizzare.

Come per ogni genere di nuova attività, andrà pianificato al meglio la strategia di apertura, redigendo un business plan che tenga conto della localizzazione in cui aprire l’attività, dei costi necessari all’avvio della stessa, delle spese di pubblicità, del personale e delle scorte di materie prime da utilizzare per produrre gelato.

In questo periodo non florido dal punto di vista dell’economia generale, aprire una gelateria può rivelarsi una scelta migliore e più conveniente di un ristorante e offrire guadagni facili e immediati a condizione che sia ben gestita e strutturata.

Il potenziale di clienti è davvero elevato, considerando che oggi una gelateria moderna offre prodotti ad hoc anche per chi soffre di allergie e intolleranze: gelati per celiaci, per intolleranti al lattosio, alle uova, per diabetici, senza tralasciare gelati bio, senza grassi, idrogenati per chi ci tiene alla salute.

Dove aprire una gelateria

Uno dei fattori principali da tenere in considerazione per far sì che la propria gelateria abbia successo è sicuramente la localizzazione.

In prima analisi, come luogo di apertura, vanno considerati luoghi molto affollati come centri commerciali, piazze e vie principali delle grosse città.

L’apertura in paesi più piccoli può generare qualche difficoltà aggiuntiva, che può essere però bilanciata nel fornire un prodotto di elevata qualità finale che da solo funge da attrattiva per clienti che provengono da fuori.

Oltre all’Italia, può essere un’idea interessante quella di aprire una gelateria all’estero, in paesi come Spagna, Portogallo, Svizzera, Germania o Isole Canarie, alcune dei principali paesi in cui gli italiani sono emigrati e dove è possibile ottenere anche un regime fiscale vantaggioso.

Cosa serve per aprire una nuova gelateria

Per quello che riguarda i requisiti di cui si deve essere in possesso per aprire una nuova gelateria, il titolare non dovrà essere stato dichiarato fallito o avere problemi con la giustizia, possedere i requisiti morali e professionali e avere già lavorato in una gelateria oppure aver frequentato un corso apposito.

Per quello che riguarda l’attività dovrà essere presentata al Comune una Segnalazione di Inizio Attività (SCIA), deve essere acquisito l’attestato  di partecipazione a corsi per la predisposizione del piano Haccp, necessario per i requisiti igienici e sanitari dell’attività.

Presso l’Agenzia delle Entrate dovrà essere aperta una nuova partita IVA, mentre all’INPS o INAIL dovranno essere regolarizzate le posizioni riguardanti il titolare dell’attività e agli eventuali dipendenti.

Infine presso la Camera di Commercio si dovrà provvedere all’iscrizione della nuova attività nel Registro delle Imprese.

Se la gelateria vede anche la presenza di un laboratorio, senza la presenza di sedie per la sosta dei clienti, l’attività è configurata come “artigianale di produzione” e non di somministrazione di cibi e bevande, mentre se vi è la presenza di tavolini non è più considerata solo laboratorio ma anche attività di vendita e somministrazione alimenti e bevande.

I costi necessari per l’apertura di una gelateria

I costi riguardanti l’apertura di una nuova gelateria variano a seconda che l’attività sia aperta completamente in proprio, eseguendo una produzione propria o se la stessa si appoggia su una rete di franchising.

Per chi ha qualche timore a iniziare una propria strada imprenditoriale da soli la soluzione del franchising è la migliore.

Grom, Crema e Cioccolato sono solo alcune aziende che permettono di utilizzare il proprio marchio a potenziali nuovi imprenditori attraverso il pagamento di una fee d’ingresso per il diritto di uso del marchio e delle royal tee, ossia una percentuale dei guadagni mensili o annuali.

A fronte di questi obblighi la società “madre” fornisce anche i prodotti per la realizzazione dei gelati e anche l’allestimento del negozio, che verrà realizzato secondo i suoi colori e design.

Per il franchising l’investimento iniziale varia dai 20 mila agli 80 mila euro a seconda della grandezza dell’attività e del marchio, mentre per investimenti in proprio la cifra iniziale media da considerare è di 50 mila euro.

Assistenza completa per l’avvio della vostra attività

Aprire una nuova attività non è mai una cosa semplice, soprattutto se si è nuovi del mondo imprenditoriale, proprio per questo diventa importante affidarsi a professionisti del settore amministrativo e finanziario al fine di avere la massima assistenza possibile.

Proprio per questo mettiamo a disposizione uno staff completo ed esperto per supportare al meglio l’imprenditore in ogni fase riguardante l’avvio di una nuova attività, come l’apertura di una gelateria.

Contattaci per una consulenza gratuita che permetterà di realizzare il sogno di aprire la vostra nuova attività e generare i guadagni sperati.

Share
Nessun commento

Lascia un commento