Top
Home » Aprire un Negozio » Come aprire una pasticceria: costi e requisiti
Come aprire una pasticceria

Come aprire una pasticceria: costi e requisiti

In molti sognano di diventare pasticceri e preparare delizie da esporre nella vetrina della propria pasticceria; tuttavia, per aprire un’attività del genere non basta essere degli ottimi cuochi, ma occorre conoscere bene il mercato e tutte le procedure per avviare un’impresa in piena regola.

In questo articolo scopriremo, passo dopo passo, tutto ciò che bisogna fare, dal punto di vista fiscale e organizzativo, per avviare una pasticceria di successo.

Cosa bisogna fare per aprire una pasticceria

Innanzitutto è bene specificare che non è necessario essere pasticceri “diplomati” per dare vita a una pasticceria. Certamente si deve avere una buona conoscenza e una grande passione per la materia: a tal proposito, si possono seguire dei corsi di formazione (regionali e non) per diventare dei bravi pasticceri.

Può essere utile rivolgersi anche all’Associazione Italiana Panificatori per avere informazioni su corsi e aggiornamenti.

Detto questo, la pasticceria è un’attività che prevede la preparazione di alimenti e quindi valgono le norme stabilite dal decreto legislativo 114/98, che obbliga alla frequenza di un corso riconosciuto Sab presso una scuola alberghiera e il possesso dei requisiti professionali e morali.

L’iter burocratico per avviare l’attività prevede diversi passaggi:

  • presentazione al comune della comunicazione di inizio attività: servirà il modello COM1 se il locale è di dimensioni limitate o COM2 se la metratura del locale va oltre i 250 metri quadri
  • presentazione alla Asl locale della denuncia di inizio attività con l’idoneità sanitaria e i documenti relativi ad attrezzature potenzialmente inquinanti (es: forni)
  • adesione al programma di autocontrollo HACCP(il protocollo di prevenzione delle possibili contaminazioni degli alimenti, Reg. CE 852/2004 – Decreto Legislativo 193/2007 )
  • richiesta di autorizzazione dell’esposizione dell’insegna all’apposito ufficio comunale
  • certificato antincendio (necessario se la metratura del locale è superiore ai 400 metri quadri)
  • iscrizione al Registro delle Imprese della Provincia di competenza
  • apertura di una posizione INPS

Come si può vedere, per aprire una pasticceria sono necessari diversi passaggi burocratici, indispensabili perché tutto sia in regola.

Non dimentichiamo che molte aziende offrono la possibilità di aprire attività in franchising, anche pasticcerie, una possibilità assolutamente da non trascurare.

I costi per aprire una pasticceria

Una pasticceria può avere anche costi elevati, per cui è bene conoscere nel dettaglio quali possono essere le spese.

In primo luogo, bisogna considerare che per attrezzature, macchinari e materie prime si può arrivare a 70mila euro di spesa.

Altre spese rilevanti sono quelle legate al locale: tra adeguamento della struttura, allacciamenti affitto e altri costi si può arrivare a spendere fino a 20mila euro.

Per i vari arredi può arrivare fino ai 25mila euro (molto dipende dalla possibilità di consumare in loco i dolci o no).

Corsi di formazione, licenze e adempimenti vari possono costare anche oltre i 5mila euro.

Bisognerà considerare infine un’eventuale campagna pubblicitaria: in questo caso si può arrivare a spendere dai 5 ai 10mila euro.

In media, secondo gli esperti, si può arrivare a spendere dai 100 ai 115mila euro per aprire una pasticceria.

Di quali attrezzature necessita una pasticceria

Per una pasticceria come si deve, è indispensabile acquistare attrezzature e macchinari professionali.

Per una pasticceria subito operativa serviranno:

  • impastatrici professionali
  • planetarie e forni professionali
  • frigoriferi, armadi refrigeranti congelatori
  • sfogliatrici e frantumatrici
  • friggitrici professionali da pasticceria
  • piccoli elettrodomestici (come ad esempio il mixer)
  • utensili da cucina, stampi e altri altri attrezzi
  • materiale per il confezionamento dei dolci
  • piani di lavoro in acciaio inox

Andranno inoltre considerate tutte le altre attrezzature “non specifiche”, come il registratore di cassa, il Pos (obbligatorio!), le vetrine per esporre i prodotti, l’insegna, eventuali macchina da caffè (nel caso sia un bar pasticceria) etc.

Aprire una pasticceria: un’ottima idea di business

Se hai la passione per i dolci, una pasticceria può essere un’ottima opportunità di business: oltre a fare i dolci della tradizione italiana o regionale, puoi aprire a una bakery all’americana con muffin, donuts e cupcakes. Insomma, le opportunità sono tante: l’importante è conoscere i costi per avviare l’attività (e la possibilità di avere finanziamenti regionali o europei) e tutte le pratiche burocratiche da espletare.

Se vuoi aprire una pasticceria e dare via alla tua attività imprenditoriale, non ti resta che contattarci compilando il form: daremo forma al tuo sogno aiutandoti a preparare tutta la documentazione necessaria, anche quella relativa a eventuali richieste di finanziamento.

Share
Nessun commento

Lascia un commento