Top
Home » Aprire un Negozio » Aprire un panificio: requisiti, iter burocratico, costi
Aprire un panificio

Aprire un panificio: requisiti, iter burocratico, costi

“Non c’è cibo di re più gustoso del pane” recita un proverbio che racchiude, nella sua saggezza, il rapporto che noi italiani (e non solo) abbiamo col pane, uno degli alimenti fondamentali della tradizione culinaria del nostro paese.
Quello del panettiere è un mestiere antico che non passa mai di moda: ecco perché, nonostante la crisi dei mestieri artigianali, negli ultimi tempi c’è stata una riscoperta di questo mestiere faticoso ma nobilissimo.

In questo articolo scopriremo come aprire una panetteria, quali sono i requisiti necessari, l’iter burocratico da seguire e i costi necessari per avviare l’attività.

Avviare un panificio: i requisiti necessari

Per avviare un panificio è necessario aver conseguito una qualifica professionale adeguata al ruolo. Esistono moltissimi corsi, anche promossi dalle Regioni, per conseguire la qualifica di panettiere. Si tratta di  un percorso che prevede una parte teorica e una parte pratica. Oltre alla qualifica, è opportuno aver maturato un po’ di esperienza nel settore: aver lavorato già in una panetteria come apprendista o dipendente è sicuramente un vantaggio non da poco.

Chiaramente, è possibile aprire un panificio senza essere un panettiere, ma sarà necessario assumere dei professionisti preparati (e pagar loro stipendio, assicurazione, etc.).

Inoltre, chiunque lavori in un panificio deve dotarsi delle certificazioni Sab (Somministrazione di Alimenti e Bevande) e Haccp, la disciplina che regola l’igiene e la manipolazioni degli alimenti onde evitare contaminazioni.

La legge 248 del 2006, conosciuta altrimenti come Decreto Bersani, ha introdotto nuove norme in materia di panificazione, norme che in buona sostanza hanno liberalizzato la produzione di pane: sono caduti infatti i parametri di densità e volume di produzione, in vigore in precedenza, dando così maggiori possibilità di aprire un panificio a chi lo desidera.

Aprire un panificio: l’iter burocratico

Per avviare un panificio è necessario seguire un preciso iter burocratico, molto simile a quello per aprire altri tipi di attività:

Aprire un panificio: quanto si deve investire?

Per avviare un panificio si deve considerare di investire dagli 80 ai 100mila euro circa.

In primo luogo, vanno considerati i costi di affitto della struttura in cui svolgere l’attività. Oltre al locale destinato alla vendita, è necessario un laboratorio dove preparare il pane e gli altri prodotti da forno: occorrono almeno 100-150 mq.
Com’è ovvio, un locale in centro costerà di più di un locale in periferia (e i costi lievitano a seconda della città in cui si opera); in ogni caso, è opportuno scegliere un locale in una zona frequentata e senza troppi competitor attorno (cosa alquanto complicata).

Ai costi per il locale vanno aggiunti i costi per l’attrezzatura professionale: tra forni, impastatrici, planetarie e banco di lavoro, l’attrezzatura può portare via oltre il 50% dell’investimento iniziale previsto.

Non vanno trascurati neppure i costi per gli arredi, che possono essere anche semplici, ma funzionali e in linea con lo stile scelto per il panificio.

A queste spese vanno aggiunti i costi del personale, eventuali spese di marketing e comunicazione e, soprattutto, le spese per i consulenti come il commercialista.

Alla luce di tutto ciò, appare indispensabile fare un adeguato business plan prima di lanciarsi nell’attività: conoscere i punti di forza e di debolezza dell’impresa, gli obiettivi a breve e lungo termine e fare un buon piano finanziario è la scelta più saggia prima di avviare qualsiasi tipo di attività.

Un’opportunità da non trascurare è data dal franchising: esistono infatti franchisor di pane e altri prodotti da forno che, in cambio di una fee iniziale e di una percentuale mensile, offrono lo sfruttamento del marchio, formazione, assistenza e aggiornamenti sul campo.

Aprire un panificio: una buona idea di impresa

Se è vero che l’investimento iniziale per aprire un panificio può apparire elevato, è altrettanto vero che un panificio può potenzialmente garantire buoni guadagni: tutto sta nella qualità del prodotto che si offre e nella capacità di fidelizzare la clientela, dato che il pane è un prodotto che non vai mai fuori moda.

Se hai i requisiti giusti e vuoi aprire un panificio, contattaci per una consulenza gratuita e scopri cosa possiamo fare per te.

Share
Nessun commento

Lascia un commento