Top
Home » Aprire un Negozio » Aprire una macelleria: come fare
Come aprire una macelleria

Aprire una macelleria: come fare

Nonostante la presenza di tantissimi supermercati e ipermercati, aprire una macelleria può rappresentare oggi ancora una buona idea per avviare un’attività imprenditoriale indipendente.

Per avviare una macelleria è importante avere una base di conoscenza del mondo delle carni e degli animali da macello in generale, o aver frequentato appositi corsi in modo da proporre sul mercato un’attività fatta di serietà e competenza.

Meglio investire qualche euro in più nell’effettuare corsi di preparazione e proporsi sul mercato in modo preparato, invece che essere sprovveduti e fronteggiare in modo negativo la concorrenza decisamente agguerrita in questo settore.

Come aprire una macelleria: il business plan e la scelta del locale

Una parte fondamentale nell’apertura di una nuova attività la svolge la redazione del business plan, che dovrà tenere conto di tutti gli aspetti legati all’apertura della nuova attività.

Dal capitale iniziale a disposizione, alla strategia legata alla pubblicità, fino alla scelta dei prodotti da vendere. Importante è la scelta del locale, che dovrà essere posizionato in una zona strategica, di facile accesso, e dove ci sia un elevato passaggio di persone: in auto o a piedi e in cui sia presente anche un comodo parcheggio per la clientela.

Va verificata anche la presenza degli eventuali concorrenti presenti nella zona, al fine di non entrare con una nuova attività in una zona già satura.

Di primaria importanza è anche la scelta dei fornitori, che dovranno mettere a disposizione prodotti di elevata qualità e che possano essere proposti a prezzi interessanti e in linea con quelli delle grandi catene di vendita.

La burocrazia necessaria per aprire una macelleria

La prima cosa da fare, come per l’apertura di tutte le nuove attività commerciali, è quella di registrare una nuova partita IVA presso l’Agenzia delle Entrate e iscriversi anche presso la Camera di Commercio al Registro delle Imprese.

Trattandosi di attività che commercializza generi alimentari, dovrà essere ottenuta, presso l’ASL di competenza la certificazione HACCP, per l’igiene degli alimenti.

Per avviare l’attività dovrà poi essere presentata apposita Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) da presentare presso gli sportelli del SUAP del Comune di appartenenza. Con questi passaggi potrete avviare nel modo corretto la vostra macelleria, e intraprendere il viaggio verso l’indipendenza lavorativa.

Costi e finanziamenti per l’avvio dell’attività

Avviare un’attività indipendente necessita sempre un determinato numero di fondi che l’imprenditore, di tasca propria, o attraverso finanziamenti, dovrà mettere a disposizione.

L’investimento iniziale dovrà tenere conto dei costi necessari per l’acquisizione o l’affitto, ed eventuale messa a norma, del locale di vendita, l’installazione degli appositi macchinari per la lavorazione delle carni come il bancone, le celle frigo e i macchinari per il taglio e per altre preparazioni.

Queste cifre dipendono molto dalla grandezza dell’attività e del locale utilizzato, e partono da un minimo di 20-30 mila euro, fino a cifre più considerevoli nel caso di attività grandi o nel caso in cui venga acquistato il negozio di vendita.

Consulenza Gratuita

Dare il via a una nuova attività imprenditoriale non è mai cosa semplice, bisogna curare molti dettagli ed essere ferrati in materia burocratica, amministrativa e fiscale.

Proprio per questo è meglio farsi seguire da professionisti ed esperti del settore, proprio come quelli che mettiamo a disposizione di tutti coloro che coltivano il sogno di realizzare una propria attività indipendente. Contattaci per una consulenza gratuita: valuteremo insieme la possibilità di accedere ad un finanziamento a fondo perduto.

Share

Richiedi una Consulenza Gratuita




Nessun commento

Lascia un commento